giovedì 10 gennaio 2013

TROVATE LE CELLULE DEL SESTO SENSO SENSIBILI AI CAMPI MAGNETICI.



 

Sono state isolate le cellule del "sesto senso", che percepiscono i campi magnetici e che sono alla base della bussola naturale di alcune specie, come i piccioni viaggiatori. Il gruppo coordinato da Stephan Eder,dell'Università Ludwig-Maximilians di Monaco, la cui ricerca èstata pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas, è riuscito ad isolare delle cellule magnetiche nella cavità nasale di una trota.
Ricchissime di ferro, le cellule sono cento volte più sensibili aicampi magnetici di quanto si credesse e le loro caratteristiche potrebbero essere la base di un sistema sensoriale magnetico.Da tempo è nota l'esistenza di un "sesto senso magnetico", ma l'identità delle cellule specializzate in questa missione non era mai stata svelata.
Le cellule isolate nella trota contengono depositi ricchi di ferro e del materiale magnetico chiamato magnetite. "Negli ultimi 50 anni, gli esperimenti comportamentali hanno prodotto molte prove dell'esistenza di un senso magnetico in una grande varietà di animali", spiega Eder."Tuttavia – aggiunge - la fisiologia sensoriale sottostante rimane poco chiara a causa dell'elusività delle strutture magneto-sensoriali".
Osservando una sospensione di tessuto nasale del pesce con un microscopio ottico, gli studiosi sono riusciti a identificare queste speciali cellule dal loro movimento di rotazione, in presenza di una lenta rotazione del campo magnetico esterno.Ogni cellula è dotata di particelle magnetiche ricche di ferro e ancorate alla membrana cellulare. "In sostanza, un campo magnetico rotante - prosegue Eder - viene impiegato per identificare visivamente le cellule che contengono materiale magnetico in base al loro comportamento rispetto alla rotazione". I risultati suggeriscono che le cellule sono in grado di rilevare il Nord magnetico, così come piccole variazioni del campo magnetico esterno. Fattori che possono costituire la base di un vero e proprio sistema sensoriale magnetico.
fonte : http://www.ansa.it/web/notizie

Cellula sensibile al campo magnetico isolata dal bulbo olfattivo (fonte: Hervé Cadiou, PNAS) 

  
SEGUICI ANCHE SULLA PAGINA fb: http://www.facebook.com/quantoequantaltro?ref=hl   


 

5 commenti:

  1. Non capisco perché tutto ciò dovrebbe escludere leggi deterministiche....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece non capisco dove tu abbia letto ke "tutto ciò dovrebbe escludere leggi deterministiche" ... nell'articolo non ho trovato nulla di simile,,,

      Elimina
  2. Le "cellule" di cui parlate si chiamano ampolle di Lorenzini...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la info... sono andata a sbirciare in rete ed ho trovato spunti interessanti...
      ^_^

      Elimina
  3. Do you need free Twitter Re-tweets?
    Did you know that you can get these AUTOMATICALLY & TOTALLY FREE by getting an account on Like 4 Like?

    RispondiElimina